Faq | Orti Terrasole

Le domande più frequenti

Qual è la tua domanda? Cosa vuoi sapere?
Scrivici, saremo lieti di parlarne
info@ortiterrasole.it

 

 

Come viene regolato l’acquisto degli orti Terrasole?

Ciascuna proprietà è regolata da un singolo atto notarile.

 

Come saranno organizzati gli orti?

I proprietari scelgono la modalità di gestione degli spazi comuni, in totale autonomia.

All’interno dell’area Terrasole sono disponibili zone che possono ospitare riunioni di gruppo e attività condivise tra i diversi proprietari.

 

Quali saranno i tempi di realizzazione?

E’ prevista una fase di raccolta delle prime richieste durante il periodo invernale.
I primi 50 orti saranno disponibili entro la primavera del 2013.

 

Come saranno calcolati i consumi idrici e elettrici?

Ciascun proprietario paga esattamente per quanto consuma. Grazie alle innovative strumentazioni comprese nell’acquisto, per ogni orto sarà possibile calcolare i consumi e le relative spese di utenze.

Così facendo è incentivato un utilizzo intelligente dell’acqua.

 

E’ previsto uno spazio riparato per curare le piante più deboli (o semenzaio)?

A ciascun orto è assegnato uno spazio dedicato al semenzaio.

 

Sono ammessi i cani?

Al momento non sono previste apposite aree. E’ possibile aggiornare il progetto in base alle richieste dei proprietari.

 

Potrò coltivare biologico?

Certo! Potrai scegliere il tuo orto tra quelli riservati all’agricoltura biologica.

 

Sono previste attività ricreative?

La gestione dell’area ortiva Terrasole è organizzata dai proprietari, da essi stessi o da un delegato individuato da tutti gli ortisti. Il progetto è stato realizzato ponendo particolare cura ai locali di servizio e alle zone esterne perché possano accogliere e agevolare situazioni di riunioni e di incontro tra i proprietari.

 

L’orto si potrà vendere in futuro?

L’acquisto di un appezzamento di Terrasole è un investimento di lungo periodo per via dell’utilizzo sociale, personale, informativo e ricreativo che esso rappresenta. Si consideri inoltre che in un futuro potrebbe cambiare la destinazione d’uso di tutta l’area e ritornare ad essere edificabile.

 

Che esperienza è necessaria per gestire un orto?

Nessuna. Per il primo anno la Cooperativa Savena mette a disposizione gratuitamente un corso di formazione base sull’orto, la terra e le tecniche di coltivazione in modo da assicurare un livello di conoscenza iniziale adeguato e uniforme tra i proprietari e agevolare gli scambi di esperienze e conoscenze tra gli ortolani.

 

Produrrò abbastanza da sostentarmi?

La produttività dell’orto dipende dal tipo di coltura che il proprietario sceglie di adottare, dall’utilizzo di fertilizzanti e materiali chimici (che sconsigliamo) e dal tempo che si può dedicare alla cura.

Studi dimostrano che 30 mq di orto possono sostentare una famiglia di 3 o 4 persone.